CB – Citizens’ Band

L’espressione banda cittadina, spesso utilizzata anche nella versione inglese citizens’ band, sigla CB, identifica una banda di frequenze radio attorno ai 27 MHz, corrispondente a 11 metri di lunghezza d’onda, destinata all’uso privato collettivo.

Nella ex-Provincia di Torino (ora Città Metropolitana di Torino) ci si ritrova dopo cena sul canale 36 (27,365 Mhz).

Normativa italiana

La legge italiana prevede che per l’uso di un apparecchio CB è necessario un’autorizzazione viene rilasciata dal Ministero per lo Sviluppo Economico.

A) dichiarazione dovrà essere presentata all’Ispettorato di zona (anche tramite Raccomandata) in carta semplice corredata dell’attestazione del versamento di 12.00 euro (la dichiarazione)

B) pagare 12 € alla tesoreria dello stato, attraverso l’Ispettorato territoriale della propria regione di appartenenza, indipendentemente dal numero di apparecchi in possesso.

L’attività del radioamatore consiste nello scambio, in linguaggio chiaro e con l’uso di codici internazionalmente ammessi, con altri radioamatori autorizzati, di messaggi di carattere tecnico, riguardanti esperimenti radioelettrici a scopo di studio e di istruzione individuale, etc etc ..

Regolarizzata la propria posizione si può iniziare a modulare (parlare) sulla frequenza con il seguente codice:

  • BREAK – permesso, si usa quando si desidera inserirsi in un collegamento già iniziato
  • MIKE – microfono
  • BIANCO IN FREQUENZA – richiesta di restare in ascolto
  • PASSO – non si usa mai, usarlo fa tanto principiante
  • ROGER – ricevuto, tutto bene
  • K – si usa indifferentemente al posto di cambio per far capire che si da’ la parola al nostro Interlocutore e si passa all’ascolto
  • BARACCHINO – termine col quale si indica il proprio radiotelefono
  • BAILAME / BAILAMME – confusione
  • BASSA – telefonata
  • RUOTA – gruppo di partecipanti alla trasmissione
  • CANALE – frequenza fissa di trasmissione e ricezione
  • PORTANTE – è la radiofrequenza emessa dal trasmettitore in funzione, priva di Modulazione. E’ il mezzo che trasporta nell’etere la modulazione
  • SANTIAGO – forza dei segnali ricevuti con scala dall’1 al 9 + 40 db
    S segnale 1-2 molto debole
    Segnale 3-4 debole
    Segnale 5-6 discreto
    Segnale 7-8 forte
    Segnale 9 molto forte
    Segnale 9-10 db + 9 + 40 db fortissimo
  • RAPPORTO D’ASCOLTO – itelligibilità e comprensibilità in ricezione che si determina
    Approssimativamente ad orecchio numerando da 1 a 5 con “R” come:
    R1 modulazione scarsissima e incomprensibile
    R2 modulazione scarsa
    R3 modulazione sufficiente
    R4 modulazione buona
    R5 modulazione ottima

Tutti i codici:

  • QRM – disturbi in generale
  • QRX – attenzione aspettare un momento
  • QRZ – c’è qualcuno che mi chiama
  • QSL – cartolina che i CB usano farsi inviare a conferma di un collegamento effettuato
  • QSO – collegamento
  • QSY – cambiare canale, spostamento su uno o più canali successivamente
  • QTC – località (dove è ubicata la stazione da indicare in modo approssimativo)
  • QTR – orario
  • CQ – segnale generale di chiamata, si usa quando si desidera parlare e non si sa chi in quel momento è all’ascolto sul canale
  • CQ – canale 7 da X desidera trasmettere con qualcuno sul canale 7
  • 7351 – saluti ed auguri
  • 88 – baci

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...